STUDI VERDIANI

PER. IT. 15

STUDI VERDIANI

– ANTONIONI (F.), Dar voce al silenzio. Osservazioni sull’attualità del teatro di Giuseppe Verdi per la musica d’oggi, Anno 2016, n.26, pp. 99 – 104

– BACHERINI BARTOLI (M.A.), Aggiunte integrazioni e rettifiche alla “Bibliography of the works of Giuseppe Verdi” di Cecil Hopkinson, Anno 1986-1987, n.4, pp. 110 – 135

– BADOLATO (N.), Maria Waldmann e Giovanni Bolelli: a proposito di una scrittura mancata, Anno 2016, n.26, pp. 53 – 61

– BALSIGER (M.U.), Verdis Stiffelio eine lektion in theologie?, Anno 2006-2007, n.20, pp. 87 – 108

– BAKER (E.), Lettere di Giuseppe Verdi a Francesco Maria Piave 1843 – 1865. Documenti della Frederick R. Koch  Foundation collection e della Mary Flagler Cary collection presso la Pierpont Morgan library di New York, Anno 1986-1987, n.4, pp. 136 – 166

– BARONI (M.), Le formule d’accompagnamento nel teatro del primo Verdi, Anno 1986- 1987, n.4, pp. 18 – 50

– BEGHELLI (M.), I buoni e i cattivi: cori di congiuriati a confronto, Anno 2000-2001, n.15, pp. 29 – 75

  • Verdi e Carducci: un dialogo mancato, Anno 2008-2009, n.21, pp. 99 – 150

– BERIO (L.), Verdi?, Anno 1982, n.1, pp. 99 – 105

– BIDDLECOMBE (G.), The Revision of <<No, non morrai, chè i perfidi>>. Verdi’s compositional Process in “I due Foscari”, Anno 1983, n. 2, pp. 59 – 77

– BLACK (J.N.), Salvadore Cammarano’s programma for “Il trovatore” and the Problems of the finale, Anno 1983, n. 2, pp. 78 – 107

  • The Libretto of “La creazione del mondo”. Milan – April 1834. A Note, Anno 1983, n. 2, pp. 147 – 149

– BUDDEN (J.),The vocal and dramatic characterization of Jacopo Fiesco, Anno 1994-1995, n.10, pp. 67 – 75

  • Verdi and the Meyerbeer in relation to “Les vêpres sicilienne”, Anno 1982, n.1, pp. 11 – 20

– CALABRETTO (R.), Presenze verdiane nel cinema italiano, Anno 2016, n.26, pp. 35 – 50

– CAMPANA (A.), Il “Menzognero incanto”. Sight and insight in “Simon Boccanegra”, Anno 1998, n.13, pp. 59 – 87

– CANTONI (A.), Verdi e Stravinskij, Anno 1994-1995, n.10, pp. 127 – 154

-CARBONELL GRAELLS (E.), Verdi en España. Crònica de un viaje, Anno 2014, n. 24, pp. 121-161

– CARNINI (D.), I concertati nelle opera di Verdi, Anno 2002, n.16, pp. 70 – 109

– CASTELLANI (G.), L’ Attente. Una vecchia “Mélodie nouvelle” di Giuseppe Verdi, Anno 1999, n.14, pp. 107 – 117

– CHEGAI (A.), Seduzione scenica e ragione drammatica: Verdi ed il “Macbeth” fiorentino del 1847, Anno 1996, n.11, pp. 40 – 74

– CHUSID (M.), A letter by the composer about “Giovanna D’Arco” and some remarks on the division of musical direction in Verdi’s day, Anno 1991, n.7, pp. 12 – 56

– COHEN (H.R.), A survey of french sources for the staging of Verdi’s operas. “Livrets de mise en scene”, annotated scores and annotated libretti in two Parisian collections, Anno 1985, n.3, pp. 11 – 44

– COLASANTI (S.), “A torto si accusa il pubblico”, Anno 2015, n.25, pp. 129-131

– CONATI (M.), Aspetti di melo drammaturgia verdiana. A proposito di una sconosciuta versione del finale del duetto Aida-Amneris, Anno 1985, n.3, pp. 45 – 78

  • Ballabili nei “Vespri”. Con alcune osservazioni su Verdi e la musica popolare, Anno 1982, n.1, pp. 21 – 62
  • Bibliografia verdiana (1980-1982), Anno 1983, n. 2, pp. 150 – 183
  • Quattro personaggi in cerca d’autore. Vocalità e interpreti de Il corsaro, Anno 2015, n.25, pp. 83-95

– CONE (E.T.), On the road to “Otello”. Totality and structure in “Simon Boccanegra”, Anno 1982, n.1, pp. 72 – 98

– CORGHI (A.), Il mio (aggettivo possessivo) Verdi, Anno 2016, n.26, pp. 87 – 98

– CORSI (C.), Un “Armonia competente”. L’orchestra dei teatri reali di Napoli nell’Ottocento, Anno 2002, n.16, pp. 21 – 96

– CURNIS (M.), “Salamandre ignivore…orme di passi” Sul libretto di “Un ballo in maschera”, Anno 2002, n.16, pp. 166 – 192

-D’AMICO (M.), Ri-raccontare Verdi, Anno 2015, n. 25, pp. 133-141

– D’ANGELO (E.), RIVA (F.), I quaderni lessicali di Arrigo Boito nel museo storico cdel conservatorio di musica di Parma, Anno 2004, n.18, pp. 63 – 147

– DEL CORNO (F.), Attualità della drammaturgia musicale verdiana: Rigoletto e le sue quattro qualità, Anno 2016, n.26, pp. 105 – 110

– DELLA SETA (F.)

  • “Abitare La battaglia” Thirty years after, Anno 2000-2001, n.15, pp. 15 – 28
  • Il tempo della festa. Su due scene della “Traviata” e su altri luoghi verdiani, Anno 1983, n. 2, pp. 108 – 146
  • “Ma infine nella vita tutto è morte!”. What does “Il trovatore” tell us?, Anno 2014, n. 24, pp. 11-43

– DELLA SETA (F.), CARRARA, Sebastiano Timpanaro, Verdi e Baldini. Un capitolo di storia della cultura musicale italiana nel Novecento, Anno 2006-2007, n.20, pp. 109 – 136

– DE SANTIS (M.), “Triste comme une chanson à boire” : Ripensando al Brindisi de “La traviata”, Anno 2012-2013, n. 23, p. 45-70

– DE VAN (G.), Musique et narration dans les operas de Verdi, Anno 1990, n.6, pp. 18 – 54

– DEVRIÈS-LESURE (A.), Les démêlés de Versi avec le théâtre-italien, sous la direction de toribio calzado (1855-1863), Anno 1998, n.13, pp. 155 – 182

– DI BENEDETTO (R.), Una postilla sulla Tempesta, Anno 1997, n.12, pp. 31 – 47

– ENGELHARDT (M.), Nuovi dati sulla nascita dell’opera giovanile di Verdi “Un giorno di regno”, Anno 1986-1987, n.4, pp. 11 – 17

– ERASMI (G.), “Norma” ed “Aida” momenti estremi della concezione romantica, Anno 1988-1989, n.5, pp. 85 – 108

– ESTERO (A.), Nel cantiere verdiano di Claudio Abbado: Otello, Anno 2015, n.25, pp. 47-81

– FABBRI (P.), Verdi da dietro le quinte, Anno 2000-2001, n.15, pp. 76 – 79

– FAILLA (F.), Giuseppe Cencetti, Verdi e la disposizione scenica di “Un ballo in maschera”, Anno 2006-2’’7. n.20, pp.15 – 45

– GALLENI (D.), Le immagini del melodramma: gli affreschi verdiani di Annibale Gatti a Palazzo Morrocchi di Firenze, Anno 2016, n.26, pp. 63 – 71

– GERHARD (A.), (L’) arte della fisionomia vocale : profili melodici in “Simon Boccanegra”, Anno 2012-2013, n. 23, pp. 71-82

  •   “Ce cinquième acte sans intérêt ». Preoccupazioni di Scribe e di Verdi per la drammaturgia de « Les vêpres siciliennes” Anno 1986-1987, n.4, pp. 65 – 86
  • Dalla fatalità all’ossessione. “Il Trovatore” fra “Mélodrame” parigino e opera moderna, Anno 1994-1995, n.10, pp. 61 – 66

– GIORDANI (E.), SALVARANI (M.), Gli organici orchestrali nei teatri d’opera dell’Ottocento. Problematiche introduttive per una valutazione psico-acustica, Anno 2002, n.16, pp. 315 – 340

-GIOVANELLI (P.D.), La storia e la favola dell’ “Oberto”, Anno 1983, n. 2, pp. 29-37

– GIRARDI (M.), Per un inventario della musica in scena nel teatro verdiano, Anno 1990, n.6, pp. 99 – 145

– GIROLAMI (E.), Orchestre per Roma capitale, Anno 2002, n.16, pp. 293 – 314

-GOEHRING (E. J.), Demanding the Auricular Proof: The Desdemona Music from under and beyond the Ironic Gaze, Anno 2014, n. 24, pp. 161-207

– GOSSET (P.), A new romanza for “Attila”, Anno 1992, n.8, pp. 13 – 35

– GUCCINI (G.), Giraldoni, Delsarte, i baritoni : alcuni retroterra teatrali della poetica verdiana, Anno 2012-2013, n. 23, pp. 83-144

– HEPOKOSKI (J.), Compositional emendations in Verdi’s autograph scores. “Il Trovatore”, “Un ballo in maschera”, and “Aida”, Anno 1986-1987, n.4, pp. 87 – 109

  • Overrriding the autograph score: the problem of textual authority in Verdi’s “Falstaff”, Anno 1992, n.8, pp. 13 – 51

– HOFMEYR (H.), A monument to the notion of personal evolution, Anno 2016, n.26, pp. 111 – 113

– HOLMES (W.C.), The earliest revisions of “La forza del destino”, Anno 1990, n.6, pp. 55 – 98

– JESURUM (O.), Le prime opere di Verdi nella interpretazione scenografica di Romolo Liverani, Anno 1996, n.11, pp. 222 – 240

  • Note sulla messinscena della “Forza del destino” (Roma, Teatro Apollo, 7 Febbraio 1863), Anno 1998, n.13, pp. 88 – 116

– JOSEPHSON (N. S.), Tonal organization in Verdi’s Otello, Anno 2015, n.25, pp. 33-45

– JÜRGENSEN (K.A.), Le coreografie originali di “Aida” (Paris, Théâtre de l’Opéra, 1880), Anno 1990, n.6, pp. 146 – 158

  • Verdi meets Scandinavia. The early danish Verdi-performances, Anno 2000-2001, n.15, pp. 80 – 109

– KAHLKE (E.), Vers und musik in der “Aida”, Anno 1996, n.11, pp. 75 – 118

– KIMBELL (D.), Oronte’s cabalettas, Anno 2005, n.19, pp. 11 – 57

– KRAMER (U.), “L’azione continua durante tutto il Terzetto”. “Ernani” und die folgen: anmerkungen zum verhältnis von dramatischer handlung und musikalischer form in verdis terzetten, Anno 1998, n.13, pp. 45 – 58

– KREUZER (G.), Zurück zu Verdi. The “Verdi renaissance” and musical culture in the Weimar republic, Anno 1998, n. 13, pp. 117 – 154

– KRIEF (D.), “Il teatro è una follia controllata”, Anno 2016, n.26, pp. 115 – 133

– LAMACCHIA (S.), Un tempo, due affetti: una risorsa dell’Aria romantica, Anno 1999, n.14, pp. 51 – 68

– LAWTON (D.), “Le trouvère”. Verdi’s revisiono f “Il Trovatore” for Paris, Anno 1985, n.3, pp. 79 – 119

– LIPPMAN (F.), Verdi un die “Melodia lunga lunga lunga”, Anno 2002, n.16, pp. 11 – 69

– LOURIOU (B.), Une nouvelle source pour l’étude de la musique de scène du drame romantique : “Lucrèce Borgia” et son ascendant sur la dramaturgie verdienne, Anno 2012-2013, n. 23, pp. 15-43

– MACCHIONE (D.), Digressioni verdiane, 1859 – 1860, Anno 2006-2007, n.20, pp. 46 – 86

-MALVANO (A.), Le lettere di Verdi conservate presso l’Archivio Storico della RAI. Un contributo allo studio di documenti edi, Anno 2015, n.25, pp. 99-126

– MARCHESI (G.), Mario Medici nella memoria (1913-1990), Anno 1990, n.6, pp. 14 – 17

– MARINELLI (C.), Discografia verdiana (aggiornamenti 1981-1983), Anno 1983, n. 2, pp. 184 – 208

– MARVIN (R.M.), Artistic concerns and practical considerations in the composition of “I masnadieri”. A newly-discovered version of  “ Tremate, o miseri!”, Anno 1991, n.7, pp. 79 – 110

  • A Verdi autograph and the problem of authenticity, Anno 1993, n.9, pp. 36 – 61

– MATTIETTI (G.), Inganni e diaframmi in Rigoletto, Anno 2016, n.26, pp. 23 – 34

– MAYRHOFER (M.), “Un giorno di regno” Epilogo di un genere Settecentesco nella drammaturgia del giovane Verdi, Anno 2004, n.18, pp. 27 – 62

– MELONCELLI (R.), Giuseppe Verdi e la critica francese, Anno 1993, n.9, pp. 97 – 122

– MESSINA (K.), I versi in ballo. Da “Gustave III ou le bal masqué” a “Un ballo in maschera”. Sulle scelte, metriche del medio periodo verdiano, Anno 2008-2009, n.21, pp. 17 – 72

– MEUCCI (R.), Il cimbasso e gli strumenti affini nell’Ottocento italiano, Anno 1988 – 1989, n.5, pp. 109 – 162

  • I timpani e gli strumenti a percussione nell’Ottocento italiano, Anno 1998, n.13, pp. 183 – 254

– MONTERDE (P.), Sulle canzoni di Azucena e Manrico nel “Trovatore”, Anno 2004, n.18, pp. 11 – 26

  • Le “antenate” di Azucena nei romanzi di Walter Scott, Anno 2016, n.26, pp. 11 – 22

– MOSSA (C.M.), La genesi del libretto del “Trovatore”, Anno 1992, n.8, pp. 52 – 104

  • Le lettere di Emanuele Muzio alla casa ricordi, Anno 1986-1987, n.4, 167 – 201

– NADALI (D.), L’archeologia di Nabucco: l’Oriente antico in scena, Anno 2010-2011. n.22, pp. 73 – 88

– NOSKE (F.R.), From Idea to sound. Philip’s monologue in Verdi’s “ Don Carlos”, Anno 1994-1995, n. 10, pp. 76 – 92

– OLIVIERO (G.), “Aida” tra egittologia ed egittomania, Anno 1994-1995, n.10, pp. 118 – 126

– ONORATI (F.), Verdi fra Ferretti, Belli e Pascarella, Anno 2010-2011, n.22, pp. 103 – 120

– ORTOMBINA (F.), “Sgombra, o gentil”. Un dono di Verdi all’amico delfico, Anno 1992, n.8, pp. 105 – 117

– OSTHOFF (W.), Dante beim späten Verdi, Anno 1988 – 1989, n.5, pp. 35 – 64

  • “Il Trovatore“ Seine dramatisch-musikalische einheit und seine tragische hauptgestalt : Azucena, Anno 2005, n. 19, pp. 58 – 106
  • Verdi l’inattuale. Esempi e paragoni, Anno 1996, n.11, pp. 13 – 39

– PAGANNONE (G.), Aspetti della melodia verdiana periodo e barform a confronto, Anno 1997, n.12, pp. 48 – 66

  • Il progetto “Radames“. Per una segmentazione ragionata delle opere di Verdi, Anno 2008-2009, n.21, pp. 73 – 98

– PANFILI (R.), Diario di lavoro per un saggio verdiano,Anno 2015, n. 25, pp. 143-150

– PARKER (R.), “Un giorno di regno”. From Romani’s Libretto to Verdi’s Opera, Anno 1983, n. 2, pp. 38-58

– PASTICCI (S.), “La Traviata“ en Travesti: rivisitazioni del testo verdiano nella musica strumentale Ottocentesca, Anno 1999, n.14, pp. 118 – 187

– PASQUINI (E.), “L’orchestra pure vuolsi aumenta di strumenti da arco“ A Parma va in scena Il Profeta (1850-1953), Anno 2002, n.16, pp. 247 – 264

– PETERSEIL (M.), Die “Disposizionischeniche“ des verlags ricordi. Ihre publikation und ihr zielpublikum, Anno 1997, n.12, pp. 133 – 155

– PIOVANO (U.), “Potrei fare allora per Tamagno una frase, forse d’effetto“. Francesco Tamagno e il rapporto fra Verdi e i suoi interpreti, Anno 1997, n.12, pp. 67 – 132

– PIPERNO (F.), Le orchestre dei teatri d’opera italiani nell’Ottocento. Bilancio provvisorio di una ricerca, Anno 1996, n.11, pp. 119 – 221

– POLZONETTI (P.), Feasting and fasting in Verdi’s operas, Anno 1999, n.14, pp. 69 – 106

– POMPILIO (A.), La collezione Scalvini dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani (I). Catalogo degli spartiti per canto e pianoforte delle opere liriche complete con un saggio sui criteri di datazione delle edizioni ricordi, Anno 1991, n.7, pp. 111 – 188

  • La collezione Scalvini dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani (II). Il melodramma italiano dell’Ottocento tra collezionismo ed editoria musicale, Anno 1992, n.8, pp. 118 – 143

– PROTANO-BIGGS (L.), “Mille e mille calme fiammelle” : illuminating Milan’s Teatro alla Scala at the fine secolo, Anno 2012-2013, n. 23, pp. 145-167

QUATTROCCHI (A.), Da Milano a Parigi : “ Jérusalem“. La prima revisione di Verdi, Anmo 1994-1995, n.10, pp. 13 – 60

– RIZZO (D.), “ Con Eletta musica del Sig. Verdi da Busseto, fu celebrata la messa solenne“, Anno 1993, n.9, pp. 62 – 96

ROSEN (D.), The operatic origins of Verdi’s , “Lacrymosa”, Anno 1988-1989, n.5. pp. 64 – 84

– ROSSELLI (J.), Verdi e la storia della retribuzione del compositore italiano, Anno 1983, n. 2, pp. 11-28

– ROSTAGNO (A.), Aida e l’orchestra. Le prime esecuzioni, le partiture, le prassi esecutive, Anno 2002, n.16, pp. 265 – 292

  • La Scala verso la moderna orchestra. Gli eventi e I motive delle riforme da Merelli ad Aida, Anno 2002, n. 16, pp. 157 – 216
  • Otello, le novità dello stile tardo di Verdi, Anno 2010-2011, n.22, pp.
  • Ouverture e drama negli anni Settanta. Il caso della sinfonia di Aida, Anno 1999, n.14, pp. 11 – 50

– RUSSO (P.), Le code d’Ernani, Anno 2010-2011, n.22 – 71, pp. 11 – 25

– RUTHERFORD (S.), “Il grido dell’anima” or “Un modo di sentire” Verdi, masculinity and the Risorgimento, Anno 2005, n.19, pp. 107 – 121

– SALA (E.), Desertico o pittoresco? Il III atto di Aida second Girolamo Magnani e Achille Formis, Anno 2010-2011, n.22, pp. 89 – 102

– SERIANNI (L.), Spigolature linguistiche dal “ Carteggio Verdi-ricordi”, Anno 1994-1995, pp. 104 – 117

– PUCCINI (D.), Il “Simon Boccanegra” di Antonio Garcia Gutierrez e l’opera di Giuseppe Verdi, Anno 1985, n.3, pp. 120 – 130

– SALA DI FELICE (E.), Ricodificazione come interpretazione “Otello” tra Boito e Verdi, Anno 1997, n.12, pp. 11 – 30

– SALVARANI (M.), L’orchestra del teatro di Senigallia, Anno 2002, n.16, pp. 137 – 156

– SELLER (F.), Editoria verdiana a Napoli nell’Ottocento, Anno 2004, n.18, pp. 148 – 230

– SPADA (M.), “Ernani” e la censura napoletana, Anno 1988-1989, n.5, pp. 11 – 34

– SPERANZA (E.), Caratteri e forme di una “Pianta fuori di clima” Sul quartetto per archi di Verdi, Anno 2002, n.16, pp. 110 – 165

– STAFFIERI (G.), Da “Robert le diable” a “Macbeth”. Influssi di Meyerbeer sulla produzione verdiana degli anni Quaranta, Anno 1998, n.13, pp. 13 – 44

  • Firenze, Teatro della Pergola. Materiali per una storia dell’orchestra (dagli anni Venti dell’Ottocento all’Unità d’Italia), Anno 2002, n.16, pp. 97 – 136
  • “Un’altra esecuzione è possibile” Robert Le Diable e la riforma delle orchestre italiane negli anni Quaranta, Anno 2002, n.16, pp. 219 – 246

-TORTORA (D.), Geometrie della catastrofe, tra l’atto I e l’atto IV di Otello, Anno 2015, n.25, pp. 11-31

– TOSTI CROCE (M.), Le fondi verdiane on-line, Anno 2016, n.26, pp. 73 – 84

-VACCHI (F.), L’influenza di Simon Boccanegra e di Falstaff sul mio teatro musicale, Anno 2015, n. 25, pp. 151-168

-VELLA (F.), Verdi and Politics (c. 1859-1861), Anno 2014, n. 24, pp. 79-121

– VERNAI (P.P.), Paolo Albiani. Il cammino di un personaggio, Anno 1982, n.1, pp. 63 – 71

  • La struttura ritmica come mezzo di caratterizzazione ne “I vespri siciliani”, Anno 1994-1995, n.10, pp. 93 – 103

-VERNAZZA (R.), Verdi “directeur de la musique” del Théatre Italien (1855): il fallimento di un progetto ambizioso, Anno 2014, n. 24, pp. 43-79

– VICENTINI (M.), Incisioni verdiane (1977 – 1980), Anno 1982, n.1, pp. 130 – 140

– ZOPPELLI (L.), Verdi “Narratore” onniscienza, timbro puro e oggetto psichico, Anno 1991, n.7, pp. 57 – 78

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...