GATM : RIVISTA DI ANALISI E TEORIA MUSICALE

PER. IT. 45

 

-ADDESSI (A. R.), Comporre musica contemporanea, vedi BENZI C.

-AFFORTUNATO, (T.), La “via naturale delle relazioni armoniche” : L’Armonia di gravitazione di Roberto Lupi (1946), Vol. 12, n. 1 (2006), pp. 7-22

-ALBERTI, (A.),

  • Eine blasse Wäscherin : un’analisi delle strategie timbriche, Vol. 12, n. 1 (2006), pp. 23-36
  • Strategie di ricomposizione, Vol. 14, n. 2 (2008), pp. 79-92

-ARISTOTILE, (C.), “Cor mio deh non languire” di Battista Guarini nella produzione madrigalistica settecentesca, Vol. 14, n. 1 (2008), pp. 87-110

-BACKER (E.), Un metodo quantitativo, vedi KRANENBURG P. van

-BARONI, (M.),

  • Teorie, analisi ed esperienze d’ascolto : Alcuni nodi da sciogliere, Vol. 9, n. 1 (2003), pp. 41-50
  • Intuizione vs. Analisi, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 15-23
  • Teorie della metafora in musica : Un percorso accidentato, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 143-153
  • Rounds : che cosa resta nella memoria di chi ascolta?, Vol. 12, n. 2 (2006), pp. 117-128
  • Le funzioni dell’ascolto nell’analisi musicale : Un caso significativo : L’Hommage à R. Sch. di György Kurtág, Vol. 16, n. 1 (2010), pp. 103-122
  • La percezione della forma musicale nei bambini, vedi SELLARI G.
  • Dove sta andando l’analisi musicale? Riflessioni sul VII Euromac, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp.235-254
  • L’analisi musicale nelle condotte di studio degli esecutori : un’indagine statistica su un gruppo di pianisti italiani, Vol. 18, n. 1 (2012), pp. 95-122
  • Musica ed emozioni : Recensione di Music and Emotion, numero monografico della rivista “Music Analysis”, a cura di Michael Spitzer, 29/1-2-3 (2019), Vol. 18, n. 2 (2012), pp. 93-132
  • con R. CATERINA e F. REGAZZI: How to analyse opera and its inherent emotions, with examples taken from Handel’s Giulio Cesare, Vol. 23, n.1, (2017) , pp. 37-69

-BELLIA (M. G.), La percezione della forma musicale nei bambini, vedi SELLARI G.

-BENITEZ, (V.), Buxtehude’s Passacaglia Principle, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp. 97-118

-BENT, (M.), La grammatica della musica antica : presupposti per l’analisi, Vol. 10, n. 1 (2004), pp. 41-94

-BENZI, (C.),

  • Comporre musica contemporanea nella scuola di base : riflessioni su un’esperienza, Vol. 10, n. 2 (2004), pp. 119-130
  • Alla ricerca di un topos musicale : l’idillio, Vol. 11, n. 1 (2005) pp. 187-196

-BERGER (J.), Polimetro monofonico, vedi BERGER T.

-BERGER, (T.), Polimetro monofonico, Vol. 10, n. 2 (2004), pp. 91-102

-BERIO, (L.), Rounds for piano solo (1967), Vol. 12, n. 2 (2006), pp. 185-188

-BIANCHI, (E.), “Introduzione all’oscuro” di Salvatore Sciarrino : aspetti formali e simbolici correlati al timbro, Vol. 14, n. 2 (2008), pp. 93-109

-BITZAN, (W.), Never-ending Canon : Didactical Approaches to Two-part Imitational Passages from Josquin’s Masses, Vol. 19, n. 2 (2013), pp. 115-122

-BOLELLA, (M. L.), Erraticità o determinazione nello Studio op. 25 n. 1 di Chopin, Vol. 12, n. 1 (2006), pp. 37-52

-BORDIN, (A. M.),

  • L’analisi musicale nelle condotte di studio degli esecutori, vedi BARONI M.
  • Aspetti analitici e gestuali nell’esecuzione musicale dei bambini, Vol. 21, n. 1 (2015), pp. 35-62
  • con G. SELLARI: La formazione pianistica di base: indagine pedagogica e analitica sulle metodologie didattiche in uso in Italia, Vol. 23, n.1, (2017) , pp. 151-168

-BRATUS, (A.),

  • Anima Latina e Sì, viaggiare di Lucio Battisti e Mogol : una proposta analitica, Vol. 13, n. 1 (2007), pp. 103-125
  • Etica della produzione o etica della ricezione? Strategie formali e interpretative in The Diamond Sea dei Sonic Youth, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp. 155-180
  • In che modo abbiamo bisogno della popular music? Riflessioni su interstizi e spazi disciplinari, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.7-32

-BRODY, (C),  The independence of structural parameters in Schenkerian accounts of tonal form, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.115-128

-BROWN, (M.), History and Tonal Coherence in Debussy’s La fille aux cheveux de lin and Bruyères, Vol. 18, n. 2 (2012), pp. 35-54

-BUCHLER (M.), Report on American Master’s Degree Programs in Music Theory, Vol. 21, n. 1 (2015), pp. 137-141

-BURTON, (D.),

  • Guida e Conseguente : Padre Martini and Francesco Galeazzi on Fugue, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp. 127-154
  • The Puccini Code, Vol. 19, n. 2 (2013), pp. 7-32

-CAFIERO, (R.), La formazione del musicista nel XVIII secolo : il “modello” dei Conservatori napoletani, Vol. 15, n. 1 (2009), pp. 5-25

-CANAZZA, (S.), Confrontare i sistemi informatici per l’esecuzione automatica : Un caso significativo : il rendering contest, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp. 219-234

-CAPORALETTI, (V.), Quali basi epistemologiche per una musicologia della popolar music?, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.179-206

-CAPUTO, (S.), Testi, contesti e funzioni : struttura musicale e retorica della morte nel requiem francese del primo Ottocento, Vol. 19, n. 2 (2013), pp. 83-114

-CARONE, (A.),

  • Un microcosmo schubertiano : il Moment musical op. 94 D. 780 n. 1 e il sottile gioco delle trasformazioni, Vol. 18, n. 2 (2012), pp. 11-34
  • La ricezione di Luigi Dallapiccola nella musica di Luciano Berio: alcune osservazioni analitiche, Vol. 23, n.1, (2017), pp. 97-115

-CARROZZO, (M.), Epicità e liricità nella forma sonata schubertiana, Vol. 9, n. 2 (2003), pp. 3-40

-CATERINA, (R.), Aspetti percettivi nel “ritorno al futuro” della psicologia della musica, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 95-102

-CAVALLOTTI, (P.), Dalla recezione del metodo dodecafonico al pensiero seriale : le Variazioni canoniche di Luigi Nono, Vol. 21, n. 1 (2015), pp. 9-34

-CECCHI, (A.), Looking beyond the surface : Form, force and structure in Kurth and Schenker, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.79-98

-CHEONG, (W.-L.), Toward a Theory of Synaesthetic Composition : A case study of Messiaen’s Sound-Colour and Bedazzlement, Vol. 19, n. 1 (2013), pp. 65-88

-CHOUVEL, (J.-M.), Una analisi uditiva : Rounds di Luciano Berio, Vol. 12, n. 2 (2006), pp. 129-142

-CIFFARIELLO CIARDI, (F.) Segmentazione melodica e interpretazione : Syrinx, un esempio applicativo, Vol. 9, n. 2 (2003), pp. 63-86

-COLAZZO, (C.), Il linguaggio compositivo di Fernando Lopes-Graça : materiali e forma, innesti e stratificazioni, Vol. 19, n. 2 (2013), pp. 33-56

-COVACH, (J.), The way we were : rethinking the popular in a flat world, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.59-72

-CREMASCHI, (A.), Parola-suono-silenzio : Guai ai gelidi mostri di Luigi Nono, Vol. 11, n. 2 (2005), pp. 35-68

-CREMONTE, (P. W.), Rounds dal punto di vista di un interprete, Vol. 12, n. 2 (2006), pp. 145-168

-CURINGA, (L.),

  • Segmentazione melodica e interpretazione, vedi CIFARIELLO CIARDI F.
  • Reverse engineering e analisi musicale : una proposta di applicazione, Vol. 13, n. 2 (2007), pp. 89- 124

-D’ALFONSO, (D.), Livelli strutturali nella teoria schenkeriana : analisi e percezione, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp. 101-126

-DALMONTE, (R.),

  • Al di là delle barriere disciplinari, Vol. 9, n. 1 (2003), pp .101-108
  • John Butt’s playing with history : ovvero le tante facce dell’interpretazione, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 41-45
  • Ipotesi sulla melodia di “Gesänge der Frühe”, Vol. 16, n. 2 (2010), pp. 59-74

-DE POLI (G.), Confrontare i sistemi informatici per l’esecuzione automatica, vedi CANAZZA S.

-DEBENHAM, (J.), Principles of Passacaglia : Terezín, Summer 1944, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp. 217-232

-DELLA SCIUCCA, (M.), Modi e articolazioni (interruptiones) delle specie nel Lucidarium di Marchetto da Padova, Vol. 10, n. 1 (2004), pp. 117-136

-DI DOMENICO, (S.), Von fremden Ländern und Menschen : Una lettura analitica di Schumann secondo la teoria delle attese, Vol. 13, n. 1 (2007), pp. 83-102

-DI SCIPIO, (A.), Per una crisi dell’elettronica dal vivo : I am sitting in a room di Alvin Lucier, Vol. 11, n. 2 (2005), pp. 111-134

-DI STEFANO, (N.), Nuages gris di Liszt : proposta d’analisi, Vol. 18, n. 1 (2012), pp. 49-64

-DORO, (G.), Strategie compositive del contrappunto BWV 1076 Canon triplex à 6 voc. di J.S. Bach, Vol. 23, n.1, (2017), pp. 7-36

-EDLER, (A.), Lo stile del Tardo Schumann, Vol. 16, n. 2 (2010), pp. 9-28

-EITAN, (Z.), Parametri musicali e immagini cinetiche, Vol. 10, n. 2 (2004), pp. 15-34

-FAROLFI, (M.), Caso e indeterminazione nell’opera musicale : uno strumento didattico per l’analisi della musica aleatoria, Vol. 19, n. 2 (2013), pp. 123-132

-FERGUSON (S.), Comporre con l’apporto di algoritmi, vedi PARNCUTT R.

-FINOCCHIARO, (F.), Laurence M. Zbikowski, Conseptualising music : Cognitive structure, theory and analysis : Una lettura possible, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 117-130

-GALAND, (J.), Some Schenkerian implications for sonata theory, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.153-172

-GALLOTTI, (C.), Processi di elusione cadenzale : un approfondimento teorico, Vol. 13, n. 1 (2007), pp. 37-64

-GARGIULO, (P.), “Quello che sia modo” : Teoria modale e prassi polifonica nella trattatistica del primo Cinquecento, Vol. 10, n. 1 (2004), pp. 3-18

-GENNARO, (S.), John A. Sloboda : Exploring the musical mind : Cognition emotion ability function : Lettura. Parte seconda, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 89-94

-GIANNETTA, (D.),

  • Il mondo è fatto a scale : Studio teorico sulle relazioni possibili fra scale e modi, Vol. 14, n. 1 (2008), pp. 59-86
  • Le trascrizioni modali nella musica di Claude Debussy, Vol. 18, n. 1 (2012), pp. 11-28

-GILLIO, (P. G.), Testo verbale e testo musicale nel secondo Settecento : un sistema metrico condiviso, Vol. 13, n. 1 (2007), pp. 65-82

-GIOMI, (F.), Il contenuto mutevole : Altra voce di Luciano Berio, Vol. 11, n. 2 (2005), pp .69-88

-GIOMMONI, (M.), Un’ardua immagine sui misteri del tempo, Vol. 9, n. 1 (2003), pp. 151-159

-GJERDINGEN, (R. O.),

  • The perfection of craft training in the Neapolitan Conservatories, Vol. 15, n. 1 (2009), pp. 26-49
  • Il perfezionamento della professionalità musicale nei Conservatori di Napoli. Sintesi in lingua italiana, Vol. 15, n. 1 (2009), pp. 50-51

-GON, (F.), “Melodia semplice, ritmo chiaro”? Alcune riconsiderazioni sul tòpos del crescendo rossiniano, Vol. 23, n.1, (2017) , pp. 71-95

-GONIN, (P.), Popular or not popular? The late 1960s, counterculture and the avantgarde in rock music. the example of Pink Floyd’s Ummagumma, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.125-150

-GRANDE, (A.), I nuovi “modi” di Albert Simon : ipotesi per un’altra tonalità, Vol. 19, n. 1 (2013), pp. 25-64

-GRANOT, (R. Y.), Parametri musicali e immagini cinetiche, vedi EITAN Z.

-HAMM, (Ch.), The Macmit Model for Musical Expressive Meaning and its Application to the Third Movement of Charles Ives’s Second Orchestral Set, Vol. 18, n. 2 (2012), pp. 55-92

-HELMS, (D.), Do we need “popular Musik”? A german perspective, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.151-178

-HENDRIKS, (P.), Regole di raggruppamento nella lingua e nella musica : Un programma informatico, Vol. 10, n. 2 (2004), pp. 71-90

-HOOPER, (J.), An introduction to Schenker’s Early Formenlehre : implications for His late workVol. 21, n. 2 (2015), pp. 11-40

-IMBERTY, (M.), Émergence du temps et du sens chez Mallarmé et Debussy, Vol. 18, n. 1 (2012), pp. 11-28

-JACOBONI, (C.), Giochi e giostre, Vol. 9, n. 1 (2003), pp. 127-140

-KALLIS, (V.), Forma, tonalità “modificata”, modalità “non diatonica” in “Jeux d’eau” di Ravel, Vol. 14, n. 1 (2008), pp.39-58

-KRANENBURG, (P. van), Un metodo quantitativo per distinguere stili musicali, Vol. 10, n. 2 (2004), pp.59-70

-KOSLOVSKY (J.), History and Tonal Coherence, vedi BROWN M.

-LA VIA, (S.),

  • Il passacaglio tetra cordale come tòpos poetico-musicale transculturale. Usi antichi e moderni a confronto (secc. XVI-XVII e XX-XXI), Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp. 27-96
  • La canzone d’autore come terreno d’incontro tra “colto” e “popolare” : con annotazioni critiche su alcune tendenze della popular musicology, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.73-104

-LOCANTO, (M.),

  • Introduction : Music Theory Pedagogy in Italy and Abroad, Vol. 21, n. 1 (2015), pp.125-126
  • Dissenting variations. The rhetoric of new musicology, Vol. 23, n.1, (2017) , pp. 117-149

-MACCHIARELLA, (I.), Musica, identità e scenari della vita d’ogni giorno: poche osservazioni, Vol. 11, n. 1 (2005), pp.63-70

-MALVANO, (A.), Dall’analisi alla riscrittura : l’orchestrazione di Webern del “Ricercare a sei voci” di Bach, Vol. 14, n. 1 (2008), pp.7-22

-MANGANI, (M.),

  • Chafe e le Cantate di Bach : analisi o lettura interpretativa?, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.11-16
  • Le “strutture tonali” della polifonia : appunti sulla riflessione novecentesca e sul dibattito attuale, Vol. 10, n. 1 (2004), pp.19-40

-MARCONI, (L.),

  • Studiare i generi e le funzioni del rap, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.73-80
  • Michael Spitzer, Metaphor and musical thought : Ripensando la metafora musicale, Vol. 11, n. 1 (2005), pp.131-142
  • Musica ed emozioni, vedi BARONI M.

-MARCONI, (P.), Prove e provette : il pianista in laboratorio, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.109-115

-MARSTON, (N.),

  • Schumann’s “Gesänge der Frühe“, op. 133: a “false dawn”?, Vol. 16, n. 2 (2010), pp.29-50
  • “Gesänge der Frühe” di Schumann : una falsa aurora?, Vol. 16, n. 2 (2010), pp.51-58

-MASTROPASQUA, (M.), Il pensiero della variazione nelle Variations on a Recitative for Organ 40 di Arnold Schönberg, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.233-258

-MATHEWS, (S.D.), Evaluating Schenkerian analysis as a complement to sonata theory : formal function and italian schemata, Vol. 21, n. 2 (2015), pp. 129-152

-MENEGHINI, (D.), Memoria e soggettività tra lamento e passacaglia nella produzione di György Ligeti, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.183-216

-MEEÙS, (N.), Formenlehre in Der freie Satz : a trasformational theory, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.99-114

-MOIRAGHI, (M.), Osservazioni sulla forma e sullo stile delle sonate di Paul Hindermith, Vol. 12, n. 1 (2006), pp.53-72

-MONTALI, (A.), Strutture temporali e ascolto : The Unanswered Question, Vol. 13, n. 1 (2007), pp.125- 146

-MOORE (A. F.),

  • Hallelujah :  il gusto amaro del cantar lode, Vol. 13, n. 2 (2007), pp.45-66
  • An Outlandish As-If : The Rock and the Pop Passacaglia, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.259-290

-NARDI, (G.), Tra compositore e interprete : nascita di Luftklavier, Vol. 12, n. 2 (2006), pp.179-184

-NATTIEZ, (J.-J.), Alcuni concetti fondamentali di storiografia della musica : Periodizzazione, “spirito del tempo” : Successione di generazioni, Vol. 13, n. 1 (2007), pp.7-36

-PADDISON, (M.), Critical reflections on the concept of popular music, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.207-226

-PALAZZETTI, (N.), Italian harmony during the second World War : analysis of Bruno Maderna’s First String Quartet, Vol. 21, n. 1 (2015), pp.63-92

-PARASCHIVESCU, (N.), Una chiave per comprendere la prassi del partimento : la sonata “Perfidia” di Francesco Durante, Vol. 15, n. 2 (2009), pp.52-67

-PARNCUTT, (R.), Comporre con l’apporto di algoritmi di teoria della percezione, Vol. 10, n. 2 (2004), pp.103-118

-PASTICCI, (S.),

  • La dialettica occulto/manifesto nell’esperienza di ascolto di Rounds, Vol. 12, n. 2 (2006), pp.169-178
  • Musica ed emozioni, vedi BARONI M.
  • In search of a Passacaglia Principle / Alla ricerca di un “principio-passacaglia”, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.7-26

-PAVESE, (E.), Lo stile nello studio di registrazione : composizione e interpretazione nella produzione di Fabrizio de André e Ivano Fossati, Vol. 19, n. 1 (2013), pp.89-112

-PERNA, (V.), Analisi musicale e teoria culturale. Il rap come testo sonoro, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.81-88

-PINGITORE, (P.), La teoria della forma di Ebenezer Prout e l’Adagio della “Patetica” di Beethoven, Vol. 9, n. 2 (2003), pp.41-62

-POZZI, (E.),

  • Aspetti formali, nuclei generativi e percorsi interpretativi in Rounds (1967), Vol. 12, n. 2 (2006), pp.87-116
  • Diminuzione, improvvisazione e virtuosismo : i trattati italiani, Vol. 14, n. 2 (2008), pp.55-78
  • György Kurtág, il maestro del piccolo gesto : Riscrittura e costruzione formale nell’Hommage à R. Sch., Vol. 16, n. 1 (2010), pp.67-102
  • Studies in Music Theory and Analysis in Italy : The 1st level Master’s Course in Music Analysis and Theory, Vol. 21, n. 1 (2015), pp.129-136

-QUARTANA (A.), Richard Parncutt, Gary E. McPherson (a cura di), The science and psychology of music performance : Creative strategies for teaching and learning : Introduzione, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.93-100

-RIGAUDIÈRE, (M.), Some consideration on Schenker’s position in thee Formenlehre tradition, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.41-60

-RINK, (J.), Le analisi dei musicologi e le analisi degli esecutori : Paragoni possibili e forse utili, Vol. 13, n. 2 (2007), pp.7-30

-RODÀ (A.), Confrontare i sistemi informatici per l’esecuzione automatica, vedi CANAZZA S.

-ROSSI, (F. R.), Modalità e polifonia nella Missa Vinus vina vinum di Guillaume Faugues : un connubio possibile, Vol. 10, n. 1 (2004), pp.137-162

-ROSTAGNO, (A.),

  • Ridondanza, simmetrie, reversibilità nell’ascolto e nella struttura di Rounds, Vol. 12, n. 2 (2006), pp.145-168
  • Nuova soggettività : György Kurtág, Wolfgang Rihm e Schumann, Vol. 16, n. 1 (2010), pp.25-66
  • “Tardo stile” e “opera tarda”, “Gesänge der Frühe” : componimento di un percorso o svolta a “vie nuove”?, Vol. 16, n. 2 (2010), pp.85-112
  • La passacaglia nel teatro musicale del Novecento come espressione della logica drammatica, Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.147-182

-ROTHSTEIN, (W.), La teoria del metro e le opere di Verdi alla metà del secolo, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp.67-100

-RUBERTI, (G.), Cavalleria rusticana : un confronto linguistico tra verismo musicale e verismo letterario, Vol. 13, n. 2 (2007), pp.31-44

-RUSSO, (M.), Webern neoclassico? Forma e struttura del Trio op. 20, Vol. 12, n. 1 (2006), pp.73-98

-SACCO, (M.), L’analisi musicale nelle condotte di studio degli esecutori, vedi BARONI M.

-SALLIS, (F.), La musica da camera di György Kurtág (1950-2005) : Dall’estetica del frammento ai “programmi da concerto”, Vol. 16, n. 1 (2010), pp.7-24

-SALVETTI, (G.),

  • Un topos tutto tedesco, Vol. 11, n. 1 (2005), pp. 197-200
  • Il significato nei Lieder senza parola : il caso dei Gesänge der Frühe” op. 133 di Schumann, Vol. 16, n. 2 (2010), pp.75-84

-SAMAROTTO, (F.) The Urlinie , melodic energies, and dynamics of inner form, Vol. 21, n. 2 (2015), pp.61-78

-SAMUEL, (J.), Octatonic Serialism in Luigi Dallapiccola’s Il prigioniero, Vol. 19, n. 2 (2013), pp.57-82

-SANGUINETTI, (G.),

  • Riconsiderando Harmonielehre, Vol. 10, n. 2 (2004), pp.131-147
  • La scala come modello per la composizione, Vol. 15, n. 1 (2009), pp.68-96

-SCHACHTER, (C.),

  • Ritmo e analisi lineare : Uno studio introduttivo, Vol. 14, n. 2 (2008), pp.7-54
  • Ritmo e analisi lineare : Aspetti del metro, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp.7-66

-SCHATT, (P. W.), L’“arte della transizione” : funzioni dell’elettronica in Mixtur di Karlheinz Stockhausen, Vol. 11, n. 2 (2005), pp.15-34

-SCHÖNLAU, (S.), Emulating Lully? Generic Features and Personal Traits in the Passacaglia from Henry Purcell’s King Arthur (1691), Vol. 20, nn. 1-2 (2014), pp.119-146

-SCHWOON (K.), Il contenuto mutevole, vedi GIOMI F.

-SUCATO, (T.), Il mottetto Ave regina celorum/ Mater innocencie/ Ite missa est (Joseph) di Marchetto da Padova nel contesto della produzione mottettistica del primo trecento, Vol. 13, n. 2 (2007), pp.67-88

-SELLARI, (G.), La percezione della forma musicale nei bambini, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp.203-218

-SITÀ, (M. G.), Analisi ed ermeneutica teologica, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.17-19

-STELLA, (G.),

  • Alcuni aspetti formali nei Quartetti di Pietro Platania, Vol. 12, n. 1 (2006), pp.99-118
  • Le “Regole del contrappunto pratico” di Nicola sala : Una testimonianza sulla didattica della fuga nel Settecento napoletano, Vol. 15, n. 1 (2009), pp.116-138

-STOIANOVA, (I.), Rounds di Berio : trascrizione e apertura, Vol. 12, n. 2 (2006), pp.73-86

-STORINO, (M.),

  • “The proof of the pudding is in the eating” : Realtà percettiva di cuna situazione di stili musicali : Cope e la sua Emmy, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.141-146
  • John A. Sloboda, Exploring the musical mind : Cognition emotion ability function : Lettura. Parte prima, Vol. 11, n. 1 (2005), pp.75-88

-SULLO, (P.), I Solfeggi di Leo e lo studio della forma nella scuola napoletana del Settecento, Vol. 15, n. 1 (2009), pp.97-115

-SUURPÄÄ, (L.),

  • L’arrivo alla tonica in due Preludi e due Fughe dal “Clavicembalo ben temperato” di Bach, Vol. 14, n. 1 (2008), pp.23-38
  • The Fourth Piece of Schumann’s Kreisleriana, Op. 16, as a Musical fragment : Discontinuity and Unity Intertwined, Vol. 19, n. 1 (2013), pp.7-24

-TAROPPI, (A.), Coerenza strutturale in Revolution 9 : Musica concreta e hook tra sogni e realtà, Vol. 21, n. 1 (2015), pp.93-124

-TAYLOR, (T.D.), The hip, the cool, and the edgy, or the dominant culture logic of neoliberal capitalism, Vol. 22, nn. 1-2 (2016), pp.105-124

-TEODORI, (P.), La forma di una musica narrativa : Hans Zimmer, The Patricide, dalla colonna sonora del film Gladiator, Vol. 18, n. 1 (2012), pp.65-94

-TIBALDI, (R.), Sulla prassi liturgico-musicale del primo Seicento : modi e toni nella Cartella musicale e nell’Organo suonarino di Adriano Banchieri, Vol. 10, n. 1 (2004), pp.163-187

-UVIETTA, (M.), Il painoforte di Berio : glosse a Sequenza IV, Vol. 12, n. 2 (2006), pp.11-72

-VAN der WERF (S.), Regole di raggruppamento nella linguA, vedi HENDRIKS P.

-VENTURINI, (P.), Scale modali difettive nell’opera di Ravel, Vol. 17, nn. 1-2 (2011), pp.181-202

-VERDI, (L.), L’analisi è morta : È nata la meta-analisi?, Vol. 9, n. 1 (2003), pp.51-61

-VERZINA, (N.), Tempo e senso della morte in Hermann Broch e Jean Barraqué, Vol. 12, n. 1 (2006), pp.119-137

-VIDOLIN, (A.), Percorsi sonori di un teatro immaginario : Da Noms des airs a Lohengrin II di Salvatore Sciarrino , Vol. 11, n. 2 (2005), pp.89-110

-WEISBERG, (R. W.),[et al.] Verso un’analisi cognitiva della creatività in musica : l’improvvisazione nel Jazz, Vol. 10, n. 2 (2004), pp.35-58

-WIERING, (F.), La concezione interna ed esterna dei modi, Vol. 10, n. 1 (2004), pp.95-116

-ZATTRA, (L.), Musica-macchia, macchia-musica : un modello di analisi per la musica elettroacustica, Vol. 9, n. 2 (2003), pp.87- 109

-ZUOLO (F.), Etica della produzione o etica della ricezione?, vedi BRATUS A.

Annunci